Tu@Saronno: “Perchè il Sindaco non convoca la Commissione Sicurezza?”

SARONNO – Gli avvenimenti di Sabato, che hanno visto la città invasa da forze dell’ordine e manifestanti dei centri sociali, una città “blindata” e imbrattata da scritte di ogni genere, non smette di far parlare.

Tu@Saronno, mediante un comunicato a firma di Alessandro Galli, chiede a gran voce che il Sindaco Fagioli convochi con urgenza la Commissione Sicurezza per far luce sui problemi che attanagliano la città.

teloso piazza“C’è una scelta su cui Tu@Saronno e la Lega Nord sono senza alcun dubbio perfettamente allineate: si tratta dell’istituzione della Commissione Sicurezza. E non certo da oggi, se è vero che in passato Tu@Saronno è stata l’unica tra le forze della ex-maggioranza a votare a favore della richiesta leghista d’istituire tale commissione, cosa però non avvenuta. Siamo ben felici, quindi, che il sindaco Alessandro Fagioli l’abbia istituita e che abbia tenuto per sé tale importante delega, ma non riusciamo a capire perché – a oggi – non l’abbia ancora convocata.

Riteniamo che la Commissione sia uno dei modi per confrontarsi su questa tematica che tanto coinvolge i saronnesi, anche se non l’unico e nemmeno il migliore (qualcosa di aperto a tutti i cittadini sarebbe ancora meglio). Sarebbe senz’altro utile sia per fare il punto su quanto stia avvenendo, anche in termini statistici, sia su cosa si abbia intenzione di fare per il futuro.

Purtroppo, come dicevamo, nonostante la cronaca parli chiaramente di una situazione in linea con quanto avveniva prima dell’insediamento della giunta leghista, la Commissione Sicurezza non è ancora stata convocata, a differenza di quasi tutte le altre.

La ragione ci è ignota e siamo sinceramente sorpresi, considerata l’importanza che la Lega dà al tema. Noi l’abbiamo ricordato ad Alessandro Fagioli sia a mezzo stampa sia di persona, senza esito. Gli chiediamo quindi di nuovo, in maniera esplicita, di convocarla a breve, sperando che il sindaco lo faccia o perlomeno spieghi il perché di questo ritardo.”

(foto by Ariberto Folli)