Raccolta firme, giovani padani: «No alla Merlin, sì alla regolamentazione della prostituzione»

SARONNO – Le elezioni si sono concluse da due settimane e già sono stati allestiti nuovi gazebo per sensibilizzare la popolazione saronnese su diverse tematiche. Il tema, scelto dalla Lega Nord, lo scorso 27 giugno, si è dipanato sulla regolamentazione della prostituzione. In proposito, i militanti del Sole delle Alpi, assieme a un folto gruppo di Giovani Padani, hanno dato il via alla raccolta firme del referendum promosso dal segretario federale Matteo Salvini, al fine di abrogare la legge Merlin.

Ecco le parole del consigliere comunale di maggioranza Riccardo Guzzetti: «In concreto la proposta vuole regolamentare e tassare la prostituzione. Questo vuol dire togliere il degrado dalle strade e portare nelle casse dell’erario una cifra non esigua (in Germania sono 4 miliardi l’anno».

Continua il coordinatore dei giovani padani del saronnese Guzzetti che comunica i risultati ottenuti sabato scorso: «Abbiamo raccolto più firme del previsto, siamo veramente soddisfatti della risposta dei cittadini saronnesi e non, molti di loro hanno affermato apertamente di non far parte della nostra fazione, ma hanno apprezzato questa presa di posizione da parte della Lega Nord; inoltre oggi abbiamo avuto modo di incontrare i cittadini saronnesi dopo il voto del 14 di giugno, parecchia gente ha affermato che la stazione è già molto più sicura e che non hanno più tanta paura ad uscire la sera, chiaramente c’è ancora tanto lavoro da fare, sicuramente questi primi passi sono stati positivi».

Lega Nord: raccolta firme per regolamentare la prostituzione