Prima seduta per la Commissione Ambiente e Urbanistica

SARONNO – Prima seduta per la Commissione Ambiente e Urbanistica, tema scottante l’area ex-Cantoni, l’invito a partecipare arriva da una nota inviata dal gruppo consiliare Tu@Saronno che riportiamo di seguito:

La situazione dell’area dismessa della ex-Cantoni è delicata e per molti versi gravissima. Da un lato abbiamo un’area vastissima (50.000 mq) la cui riqualificazione in termini urbanistici è cruciale per il quartiere e la città, dall’altro chiare evidenze che dimostrano come il suolo sotto di essa sia fortemente contaminato, cosa che rende necessaria al più presto una bonifica per evitare l’infiltrazione di sostanze inquinate nella falda acquifera (e quindi nei rubinetti dei saronnesi) più di quanto è accaduto fino a oggi. Per discutere di questi temi è stata convocata, sabato 12 dicembre 2015 alle ore 10 in Villa Gianetti (via Roma, 22) una riunione congiunta delle commissioni Ambiente e Urbanistica.

Per Tu@Saronno saranno presenti Franco Casali, consigliere comunale e membro della Commissione Urbanistica, e Paolo Sala e Francesco Brunetti, membri della Commissione Ambiente & Sport. Vale la pena di sottolineare in particolar modo il prezioso lavoro fatto da Francesco Brunetti nella ormai decaduta Commissione Acqua dell’Amministrazione Porro, di cui la Commissione Ambiente eredita non solo i compiti ma anche diversi membri. Crediamo sia assolutamente necessario dare continuità al lavoro svolto e proseguire con determinazione per far sì che l’area Cantoni – per la quale è già stato presentato unprogetto di riqualificazione consultabile da tutti i cittadini – trovi una soluzione definitiva, di prospettiva e a chiaro vantaggio della città, senza ombre o ritardi dal punto di vista della fondamentale bonifica ambientale.

La convocazione congiunta delle due commissioni Urbanistica e Ambiente fa pensare a un approccio del tema complessivo, cosa che ci pare opportuna e ragionevole, ma potremo sapere di più solo nel corso dell’incontro di sabato. La riunione è pubblica, per cui invitiamo tutti i cittadini a partecipare, vista l’importanza della questione.