Lino Toffolo è morto, l’attore cabarettista/cantautore aveva 81 anni

MURANO – Attore, cantautore, cabarettista. Era un artista poliedrico Lino Toffolo perché nel suo curriculum si poteva scrivere regista e musicista. Nato a Murano nel 1934 Toffolo, secondo quanto riporta il Corriere della Sera, si è spento a Venezia. Avrebbe compiuto 82 anni il prossimo 30 dicembre.

lino-toffolo-675x905-675x905Era ricoverato in ospedale a quanto pare per un polso rotto. Due anni fa era stato operato due volte per problemi alle valvole coronariche. L’attore aveva prestato il suo volto anche allatelevisione. Non si prendeva mai sul serio Toffolo ed è irresistibilmente ironica anche la biografia che compare sul suo sito dove si ricordano gli inizi in radio, la “vocazione di menestrello” che lo portò a lavorare al Derby (1963)  “accanto a strani, sconosciuti ed inquietanti personaggi quali Franco Nebbia, Enzo Jannacci e Bruno Lauzi“. E poi ancora Cochi Ponzoni, Renato Pozzetto, Massimo Boldi.

Attore di teatro, ma anche al cinema nel 1968 debutta con un pezzo da 90 come Lina Wertmüller, per poi lavorare anche con Salvatore Samperi. Ma è stato diretto anche da Dino Risi e Mario Monicelli. Compagno di lavoro di Marcello Mastroianni in “Culastrisce nobile veneziano”, e Vittorio Gassman in “Brancaleone alle crociate”.

La sue venezianità lo riporta presto al teatro: Goldoni per esempio. Anche se – si legge sempre nella sua biografia – “è protagonista di “Sior Toni Bellagrazia” (1965) e nel prologo de “La moscheta” (1998) di Ruzante con la regia di De Bosio. È il carceriere ne ‘Il pipistrello’ di Strauss (1997) e voce recitante in “Pierino e il lupo” di Prokovief e nell’ “Histoire du soldat” di Stravinskij”