La Pallavolo Saronno cade in casa contro il Bolzano

SARONNO – Secondo ko interno consecutivo per i ragazzi di coach Leidi, che contro un Bolzano incerottato cedono con un netto 3-0 senza di fatto mai entrare in gara.

Leidi lancia Buratti in avvio al posto di Barsi, confermando Daolio in posto 2 al posto di Cafulli. Bolzano deve rinunciare ad Izzo e Rossatti in extremis, lanciando il giovane Spagnuolo in palleggio che risulterà uno dei migliori in campo.

Dopo un avvio in equilibrio (4-4) il set si indirizza subito verso gli ospiti che piazzano il break grazie a 3 muri consecutivi su Ballerio, Buratti e Daolio (5-8). Saronno sembra non trovare la forza di reagire e Gavotto e compagni ne approfittano (6-13), con gli amaretti che si sgretolano in un attimo (8-15). Leidi prova a inserire Pizzileo per Ballerio e Olivati per Daolio, ma la musica non cambia ed il set si archivia con un perentorio 13-25.

In avvio di secondo set spazio a Barsi per Buratti ma la situazione non migliora, sotto i colpi di Mazza Bolzano vola subito sul 2-7. Seregni prova a guidare una reazione trasformando due attacchi (6-9) ma Leonardi e Capra non permettono il rientro di Spairani e compagni affondando i varesini con un altro break (11-15). Leidi prova anche ad inserire Cafulli in posto 4 su Ballerio e Saronno riduce il divario (14-17), ma è un fuoco di paglia perché Gavotto dimostra di essere un giocatore di categoria superiore guidando i suoi alla conquista del set (19-25).

Sembra arrivare la reazione di orgoglio nel terzo set, con gli amaretti che piazzano subito un break con Spairani (5-3), Bolzano ha pazienza e ribalta il punteggio (7-8) raggiungendo il +3 con Paoli (9-12). Un attacco di Spairani ed un muro di Barsi riaccendono le speranze degli amaretti (14-14) e la gara sembra riaprirsi quando Barsi e Cafulli allungano (21-19). Ma quando il gioco si fa duro gli altoatesini si dimostrano più determinati mentre Saronno si scioglie: un errore in attacco ed un muro su Daolio riportano il punteggio in parità (21-21), si lotta palla su palla ma alla fine la classe di Gavotto ha la meglio, sono due sue prodezze che annientano ancora una volta i varesini (23-25).

Per Saronno adesso occorre ritrovare la fiducia, prima ancora dei risultati, e non sarà semplice quando alle porte ci sono due trasferte contro Alba e Padova.

E’ amareggiato Leidi a fine gara: “ Stasera si è salvata solo la ricezione, sono deluso perché ho visto poco spirito di sacrificio e soprattutto un atteggiamento remissivo dei miei, che non possiamo permetterci se vogliamo ambire ai risultati importanti che ci chiede la società.”