La neonata Associazione Saronno al Centro si presenta ai Saronnesi

SARONNO – Martedi sera in Villa Gianetti c‘è stata la presentazione ufficiale della neonata Associazione Saronno al Centro, il cui Presidente prof. Paolo Strano ne ha indicate le peculiarietà. “ Dopo aver raccolto le forze, dopo la scomparsa dell’ing. Enzo Volontè che insieme con me aveva creato Saronno al Centro e dopo lo smarrimento iniziale – ha dichiarato il Presidente – siamo ripartiti e ora è stata fondata l’Associazione che è viva e attiva.   Vice Presidenti il dottor Dario Lonardoni e l’architetto Francesca Volontè.

Perché questo incontro? Un punto cardine di SAC è la trasparenza e il dialogo e senza il primo non ci può essere il secondo e ci proponiamo, nel prossimo futuro, di fare altri incontri per informare la cittadinanza sull’evoluzione del governo della città. Saronno al Centro ha due assessori in Giunta, Dario Lonardoni ai Lavori Pubblici e Francesco Banfi al Commercio e alle Politiche giovanili e, saranno proprio loro due che ci relazioneranno su quanto sta facendo questa Amministrazione, sui progetti in corso e su quelli futuri.

La parola è passata a Dario Lonardoni che ha toccato diverse argomentazioni specificando che SAC si era presentata come lista civica dichiarando che non avrebbe fatto apparentamenti nel caso di vittoria alle elezioni. La vittoria completa non c’è stata ma il solido 10 per cento era importante comunque per aspirare a far parte del governo della città. Al ballottaggio abbiamo dato il nostro appoggio alla lega in modo da poter contribuire, in caso di vittoria, al governo cittadino. Cosi è stato, e come premio all’appoggio ci sono state le nomine politiche dei due assessori. Stare al tavolo di comando è importante per dare un contributo fattivo alle scelte su cui operare e SAC ha garantito questo e non è una scelta legata alle poltrone bensì al rispetto del 10 percento avuto in fiducia dai propri elettori per contribuire al benessere della città.

Dopo questa precisazione che era nell’aria e nei pensieri di molti, l’assessore ha parlato delle priorità che ci sono e che non devono essere di semplice facciata ma di consistenza. Molte scuole presentano problemi reali e importanti ( infissi, pavimentazioni, perdite ecc.), il completamento di una parte del cimitero, la soluzione di alcuni problemi riguardanti il Matteotti, le sezioni di scuola materna da spostare e di molte altre cose è stato dato un preciso chiarimento.

Problemi da risolvere ci sono e la Lega sta operando con soluzioni pratiche e coerenti alle necessità oggettive. Altro esempio il riscatto degli impianti di illuminazione della città, in carico a Enel Sole e che dal 2009 stanno aspettando una soluzione che si risolverà finalmente in tempi molto brevi consentendo una miglior risoluzione delle risorse e della tecnica.

Ha parlato poi l’assessore Banfi denunciando che nel settore commercio i problemi sono legati anche alla mancanza di personale a causa di pensionamenti che, gioco forza, rallentano l’iter della programmazione. Stanno comunque lavorando per cercare di vivacizzare il settore commercio con iniziative che, già varate, stanno dando molta soddisfazione. L’ultima la festa del cioccolato che ha richiamato nelle vie centrali moltissimi cittadini e anche dai paesi limitrofi.

La volontà c’è e bisogna ora ritrovare le sinergie per rianimare questa città che diventerà più sicura proprio perché animata e piena di persone anche la sera o nelle giornate di festa. Il settore giovanile è in condizioni difficili a causa delle problematiche nazionali. C’è molto da lavorare anche in questo settore e non ci sono fondi sufficienti per poter operare al meglio.

Punto focale anche la sicurezza che ribadisce si conquista dando vigore e vivacità alla città. Una città sicura è una citta viva, vivace e propositiva.

La conclusione è stata che Saronno al Centro è presente, partecipa attivamente al governo della città e collabora in modo costruttivo con il resto della maggioranza non solo con proposte ma con fatti concreti che non sempre sono visibili “ ad occhio nudo” ma nei fatti portano vantaggio a tutta la cittadinanza.

SAC