Giorno della Memoria: “Strumentalizzare una ricorrenza per creare fratture”

SARONNO – Sono trascorse diverse settimane dalla bagarre inerente al Giorno della Memoria in cui sembrava, poi in effetti è successo, che l’amministrazione non volesse contribuire con le varie associazioni di settore nell’organizzare eventi dedicati al celebrarsi di tale ricorrenza.

Oggi riceviamo un comunicato dall’Amministrazione Comunale nel quale il sindaco Alessandro Fagioli spiega esattamente come sono andate le cose:

” Con riferimento alle dichiarazioni di ANPI e di altre Associazioni e gruppi politici con cui l’Amministrazione Comunale viene accusata di non volere celebrare il Giorno della Memoria si precisa quanto segue. La richiesta di ANPI e delle altre Associazioni è stata unilaterale: le Associazioni hanno messo a punto il programma delle manifestazioni e l’Ufficio Comunale Cultura non poteva fare altro che mettere a disposizione i dipendenti, gli spazi e il danaro per permettere la realizzazione degli eventi scelti dalle stesse Associazioni. Nessun altra alternativa è stata offerta al Comune. E’ stato quindi impedito al Comune di Saronno di partecipare in modo attivo alla pianificazione e all’organizzazione del Giorno della Memoria, privando così i cittadini della possibilità di usufruire di quel valore aggiunto che l’Amministrazione Pubblica avrebbe potuto dare alla celebrazione di una così significativa ricorrenza quale è il Giorno della Memoria.
L’atteggiamento tenuto dalle Associazioni non significa certo “collaborazione” significa esclusivamente imposizione o peggio non voler coinvolgere attivamente il Comune perchè l’Amministrazione eletta dai cittadini non è in linea con il colore politico di alcuni componenti di qualche associazione.
La volontà di non voler in alcun modo condividere l’evento con l’Amministrazione è ulteriormente evidenziata con il rifiuto del patrocinio che avrebbe comunque garantito il sostegno Comunale alle iniziative proposte tramite:
– la concessione del patrocinio alle iniziative indicate nella locandina;
– la presenza del Sindaco, o di almeno un Assessore delegato a ciascuna iniziativa programmata;
– la pubblicizzazione dell’evento tramite la pubblicazione della locandina sul settimanale Saronno sette e sul sito Web del Comune;
– il coinvolgimento delle scuole cittadine tramite specifiche comunicazioni ai dirigenti scolastici a cura dell’ufficio cultura.
Le conclusioni, alle quali alcuni rappresentanti di associazioni o di gruppi politici, sono giunti, testimoniano ancora una volta della volontà di costoro di strumentalizzare politicamente qualsiasi situazione in modo da creare divisioni e fratture, anche tramite i media, tra l’Amministrazione e le associazioni cittadine e gettare discredito sull’operato dell’Amministrazione.”

In aggiunta a questo, il Sindaco ha spedito una lettera a tutte le associazioni di settore che riportiamo a seguire:

Alle Associazioni : A.N.P.I. A.U.S.E.R. AGESCI-SCOUT ISOLA CHE NON C’E’ ACLI ANED-GRUPPO DELLA MEMORIA SOCIETA’ STORICA SARONNESE

Egregi Signori, rappresentanti, soci e aderenti alle associazioni in indirizzo, con la presente riscontro la nota pervenuta il 4 gennaio u.s. per precisare con fermezza che l’Amministrazione che ho l’onore di presiedere è ben a conoscenza dell’importanza del Giorno della Memoria e che, di conseguenza, intende onorare la ricorrenza, anche in linea con gli indirizzi dettati dalle norme vigenti.
Con la nota sopra emarginata si afferma in particolare che “Per Vostra conoscenza, il programma e la locandina delle iniziative per il Giorno della Memoria sono in allegato alla presente lettera” e si conclude con la frase “Attendiamo una sollecita risposta per conoscere come l’attuale Amministrazione Comunale intende partecipare all’evento”
Ritengo di dover evidenziare come i contenuti della nota pervenuta il 4 gennaio u.s. siano in linea con l’atteggiamento assunto durante la riunione con l’Assessore delegato lo scorso 3 dicembre in quanto non è stata allora e non viene chiesta ora la collaborazione del Comune per condividere un così importante evento.
Non è stato chiesto al Comune di fare parte attiva del Comitato Promotore, al contrario il Comitato ha individuato le iniziative chiedendo al Comune di darne attuazione con impiego di personale e risorse economiche senza alcuna possibilità da parte del Comune di condividerne la paternità.
Il Comune, ben consapevole dell’importanza per la nostra Città del Giorno della Memoria, non ha tuttavia rifiutato la proposta ma, al contrario, attraverso l’ipotizzata concessione del patrocinio avrebbe comunque garantito il sostegno Comunale alle iniziative da voi unilateralmente proposte tramite:
– la concessione del patrocinio alle iniziative indicate nella locandina;
– la presenza del Sindaco, o di almeno un Assessore delegato a ciascuna iniziativa programmata;
– la pubblicizzazione dell’evento tramite la pubblicazione della locandina sul settimanale Saronno sette e sul sito Web del Comune;
– il coinvolgimento delle scuole cittadine tramite specifiche comunicazioni ai dirigenti scolastici a cura dell’ufficio cultura.
Da quanto appreso dalle notizie di stampa sembrerebbe che avete rifiutato la collaborazione del Comune attraverso la concessione del Patrocinio, vi invito dunque a un ripensamento al fine di assicurare un più ampio coinvolgimento della popolazione.
Le conclusioni, alle quali alcuni rappresentanti di associazioni o di gruppi politici, sono giunti, testimoniano ancora una volta della volontà di costoro di strumentalizzare politicamente qualsiasi situazione in modo da creare divisioni e fratture, anche tramite i media, tra l’Amministrazione e le associazioni cittadine e gettare discredito sull’operato dell’Amministrazione.
Il programma Amministrativo prevede il massimo coinvolgimento delle Associazioni per condividere, non imporre, le iniziative che si vorranno assumere in tal senso rinnovo l’invito a collaborare e confermo la mia disponibilità al dialogo con chiunque voglia portare il suo contributo costruttivo.
FIRMATO … Il Sindaco Alessandro Fagioli