Festa di Santa Marta: il trionfo della tradizione

Saronno – Mercoledì sera, alle 21.00, la comunità cristiana di Saronno si è ritrovata nel suggestivo vicolo di Santa Marta, una via perpendicolare a Corso Italia. Un ritrovo con significati profondi nel ricordo e nella celebrazione appunto di Santa Marta, patrona di casalinghe, cuoche e domestiche. La famosa Marta di Betania, sorella di Maria e Lazzaro, le cui gesta sono descritte nei Vangeli di Luca e Giovanni, che ospitò Gesù Cristo diverse volte nella sua dimora.

La risposta dei saronnesi è stata incoraggiante: almeno in cento persone, infatti, hanno assistito alla celebrazione eucaristica, nel cortile del vicolo Santa Marta, officiata dal prevosto di Saronno, monsignor Armando Cattaneo.

E’ proprio la massima carica ecclesiastica della città a raccontare il significato e la storia di questa festa per tutti i fedeli che ne rammentano importanza e valore.

Puntuali anche le massime cariche cittadine con il sindaco Alessandro Fagioli, il presidente del consiglio Raffaele Fagioli e gli assessori Francesco Banfi, Dario Lonardoni e Lucia Castelli. Ma la testa pensante dell’intera organizzazione è la saronnese D.O.C., nata proprio in vicolo Santa Marta ottantasette anni fa, Mariangela Pagani che, anche con sacrifici economici, ha realizzato, con successo, la rassegna religiosa.

Saronno, Festa Santa Marta

 

di Giulia Macchi e Daniele Calvano
Riprese di Marco Favini