Family Day: “Nel mondo si celebrano i diritti, l’Italia torna al Medioevo”

MILANO – “Nonostante i democratici (solo nel nome) di sinistra, il Pirellone si è appena illuminato con la scritta Family Day. Ancora una volta Regione Lombardia mantiene le promesse, convinti delle nostre idee e andando avanti senza paura”. E’ questo il commento scritto in un post del suo profilo Facebook dell’assessore alle Culture, Identità e Autonomie di Regione Lombardia, Cristina Cappellini, in merito alla scritta luminosa ‘Family Day’ appena apparsa sul Pirellone. L’assessore oltre al commento ha postato anche una delle foto in cui si vede Palazzo Pirelli illuminato.

12507379_1270388119654596_6441106634902636951_n

L’iniziativa della Regione però non è piaciuta a molti, che si sono riversati sui social network chi per esprimere indignazione, chi per ironizzare sulla vicenda. “Il mondo intero ci riderà dietro”, scrive un utente. C’è chi, per protesta, pubblica la foto di un bacio tra due ragazzi gay davanti al Pirellone illuminato per il Family Day. “Il #Pirellone è un’opera architettonica del “razionalismo italiano”. Il razionalismo si sta rivoltando nella tomba”. E ancora: “Mentre il mondo intero celebra i diritti lgbt, i diritti umani, in Lombardia il Pirellone è illuminato per il Family Day”. Oppure: “Ridatemi indietro la mia parte di tasse usata per illuminare a tinte omofobe il #Pirellone. #FamilyDay”.

Lo sdegno di questa iniziativa sta invadendo tutti i social, sembra proprio che qualcuno non abbia capito che siamo nel 2016 e come scrive Mika sul suo Blog, AMORE = FAMIGLIA, dovrebbe essere lo slogan che ci accompagna nella vita quotidiana.

Anche a Saronno qualcuno dice la sua, a parlare il Capogruppo PD Francesco Licata che nella sua pagina Facebook scrive:

“Sono sposato con una donna e con rito cattolico. Ho un figlio. Ho scelto liberamente di farlo e voglio che chiunque sia altrettanto libero di amare chi gli pare assumendosi le proprie responsabilità, cosciente dei propri doveri e titolare dei normali diritti. ‪#‎iodicosi‬ e Maroni non può permettersi di portare il gonfalone di regione Lombardia alla manifestazione del #familyday ne agghindare il Pirellone in questa maniera perché li non rappresenta la Lombardia, non rappresenta me come cittadino lombardo ma rappresenta, legittimamente, se stesso!”