Cannabis terapeutica, in Lombardia il via libera

SARONNO – Anche in Lombardia via libera all’uso della cannabis terapeutica. Il decreto emesso dal ministero della Salute è stato compreso nelle “Regole di sistema”, il provvedimento che detta le linee guida per il sistema sanitario lombardo. Potranno fare domanda i malati che soffrono di dolore cronico alleviato dal principio attivo della marijuana come gli affetti da sclerosi multipla o con lesioni al midollo spinale, chi soffre di anoressia o di sindrome di Tourette. Vale anche per le persone sottoposte a chemioterapia, radioterapia.

A beneficiarne, secondo gli esperti di terapia del dolore, dovrebbe essere un migliaio di pazienti, sugli oltre 80mila che in Lombardia soffrono di dolore cronico.

La decisione mette al passo il Pirellone con altre dieci regioni italiane – tra le quali Emilia Romagna e Toscana, Liguria e Veneto, Sicilia e Abruzzo – che sulla materia non solo si sono già attivate da mesi ma hanno anche emanato leggi regionali ad hoc. La marijuana è prodotta a Firenze: il progetto pilota, partito la scorsa primavera, prevede la coltivazione di 100 chili di marijuana da parte dell’Istituto farmaceutico militare. Il primo raccolto dovrebbe essere pronto a breve: un fatto, questo, che permetterà di abbassare i prezzi.

Cannabis terapeutica